Stampa questa pagina

Consacrazione a Maria

Per molti cristiani il dono di Maria che Gesù ha fatto dall'alto della croce rimane un episodio storico della sua vita terrena mentre in realtà esso ha un valore attuale che va al di là del tempo e dello spazio: accogliere Maria come Giovanni è compito di ogni battezzato perché egli possa "fare tutte le proprie azioni per mezzo di Maria, con Maria, in Maria e per Maria, per poterle compiere in maniera più perfetta per mezzo di Gesù, con Gesù, in Gesù e per Gesù(VD 257).

Non si può pensare che Maria fermi su di sé l'attenzione e che, come creatura, costituisca un impedimento a che si realizzi l'unione del cristiano con Dio. Piuttosto, poiché è tutta orientata a Dio e trasformata in lui ne facilita l'unione: più è intenso il proprio rapporto con Maria maggiore sarà l'intimità con Dio.

Scopo della consacrazione, dunque, è di offrire a Maria tutto ciò che siamo e che facciamo affinché non solo si possa diventare con lei un sacrificio spirituale gradito a Dio ma, con il suo aiuto, si possa trasformare anche in dolcezza e in un carico lieve tutto ciò di cui non riusciamo a portare il peso. "Madre, voglio vivere con te" sarà la richiesta che esprimeremo a Maria attraverso la consacrazione, spinti a non contare sulla propria forza che è solo debolezza, ma ad appoggiarci a lei come un bimbo che si getta nelle braccia della mamma; e Lei, che già si occupa di ciascuno di noi secondo le nostre necessità, da quel momento comincerà a realizzare in noi e con noi tutto ciò che le avremo affidato.

Consacrarsi a Maria significa anche essere disponibili a contribuire alla lotta contro il male per favorire l'avvento del Regno di Dio. Questa lotta ha avuto inizio nei cieli alle origini e finirà con il ritorno glorioso di Cristo. Ogni cristiano sa di vivere in questa lotta, ma sa anche che la vittoria finale è di Cristo, della Chiesa, di Maria perché "è il seme di lei che schiaccerà la testa al serpente" (cfr. Gn 3,15). L'affidamento deve essere frutto di una decisione personale e libera. Implorando l'intercessione gloriosa di Maria ci si affida totalmente a lei per osservare con fedeltà gli impegni battesimali e vivere in atteggiamento filiale nei suoi confronti.

La consacrazione a Maria spesso ha segnato l'inizio di un cambiamento di vita: molti hanno sentito il bisogno di intraprendere un cammino di fede ancora più impegnato.